TAN e TAEG: Una guida per capire cosa sono, il loro significato e come calcolarli.

Scritto il alle 17:30 da slevin@finanzaonline

Il mercato creditizio offre una vasta scelta di finanziamenti, in grado di soddisfare le esigenze del cliente in maniera sempre più flessibile e personalizzata. Quali sono i fattori da analizzare per effettuare una scelta ponderata e per verificare la sostenibilità dell’operazione?

TAN e TAEG: cosa sono e in cosa si differenziano

Il TAN (Tasso Annuo Nominale) è il tasso di interesse puro applicato al prestito. Se prendiamo in prestito 100 euro ad un TAN del 8% verseremo alla scadenza 100 euro (a titolo di rimborso del capitale) più 8 euro (a titolo di interesse). Nel caso, poco frequente, di restituzione alla scadenza, in un’unica soluzione, di 108 euro, il tasso effettivo dell’operazione sarà pari all’8%. Nel caso, più frequente, di rimborso rateizzato il tasso effettivo sarà più elevato. Evidentemente per il creditore è vantaggioso ricevere 9 rate da 12 euro piuttosto che 108 euro alla scadenza, poiché riceve la stessa quantità di denaro in maniera anticipata. Più sono elevati il TAN e la frequenza delle rate, maggiore sarà il tasso reale di finanziamento. 
Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) tiene conto con esattezza dei periodi in cui vengono effettuati i rimborsi (e quindi il tasso effettivo) e considera, inoltre, le altre spese che il debitore deve sostenere obbligatoriamente oltre agli interessi (ad esempio, spese di istruttoria della pratica, spese di gestione ed incasso, imposta di bollo e così via), fornendo un dato sul reale costo del finanziamento, onnicomprensivo di tutti gli oneri. In particolare il TAEG è il tasso che rende uguale l’importo concesso in prestito (decurtato dalle spese iniziali) e la somma dei versamenti rateizzati attualizzati

Il calcolo del TAEG: un esempio concreto

Ipotizziamo di prendere in prestito 10.000 euro ad un TAN del 10% e di sostenere spese iniziali di apertura pratica pari a 200 euro. Il capitale verrà restituito in 12 rate mensili dello stesso importo (ammortamento francese), pari a 879 euro e l’esborso totale sarà pari a 10.750 euro (rimborso del capitale di 10.000 euro, più 550 euro versati a titolo di acconto, più 200 euro di spese). Qual è il TAEG dell’operazione? Il TAEG è quel tasso di interesse che rende uguali 9.800 euro (10.000 euro di capitale preso in prestito, meno 200 euro di spese iniziali) alla somma dei versamenti da 879 euro attualizzati, ed in questo caso è pari al 14,66%, un valore ben più elevato del TAN.
Il calcolo viene effettuato utilizzando il metodo matematico dei minimi quadrati, piuttosto complesso e laborioso. Sul web molte società finanziarie e banche hanno implementato una piattaforma in grado di calcolare in tempo reale il TAEG, inserendo tutti i dati a disposizione, e quindi il capitale preso in prestito, il TAN, il numero e la frequenza delle rate, le spese iniziali e quelle periodiche.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuri
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È p
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sar
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’o
Guest post: Trading Room #265. Settimana difficile per la borsa italiana che però non va ancora a
Oggi incominciano da qui, dalla politica monetaria, gli amici di Machiavelli lo sanno già, la n
Nella trattativa sulle pensioni nessuno vuole la responsabilità di rompere la trattativa per cui gl